11 Settembre: New York Tribute in Light, da non perdere

 

Prossima settimana a New York? Dal crepuscolo dell’undici settembre all’alba del 12 possiamo ammirare Tribute in Light l’evento di commemorazione della famosa tragedia delle torri gemelle. Due potenti fari che richiamano le Twin Towers punteranno il cielo per restituire per una notte la vecchia skyline newyorkese. Un momento sicuramente suggestivo e di riflessione che non può essere dimenticato.

 

Mesi dopo la caduta delle torri gemelle, è stato chiesto al produttore di eventi Michael Ahern di creare un monumento per la memoria. Ahern colse l’occasione per creare qualcosa di unico che potesse colmare questo vuoto. Nel Marzo del 2002 ha organizzato un team di ingegneri, elettricisti, meccanici per creare questa fantastica installazione luminosa che in pochi anni è diventata un simbolo della grande mela. Il progetto che è costato migliaia di dollari ed è stato finanziato grazie a importanti artisti e architetti, come Gustavo Bonevardi e John Bennett, e da numerose donazioni e contributi.

 

L’installazione è posizionata sopra il grande parcheggio Laz Parking, qui sono state installate 88 potentissime luci made in Italy. Ma Tribute in Light è solo l’apice di questo rito commemorativo. Durante la giornata ci saranno i famosi momenti di silenzio: alle 08:46 per il primo aereo schiantato nella torre nord, 9:03 per il primo aereo schiantato nella torre sud; 09:59 per la caduta della torre sud ed infine alle 10:28 per la caduta della torre nord. Durante l’anno possiamo visitare il museo dedicato aperto tutti i giorni dalle 7:30 del mattino alle 9 di sera, mentre luogo dove si potrà ammirare da vicino il Tribute in Light sarà aperto solamente l’11 settembre dalle 6 di sera fino a mezzanotte. È un ricordo indelebile per il mondo occidentale ma soprattutto per quello americano ed newyorkese. È giusto dunque conoscere questo rituale per ammirare con più profondità questa incredibile opera memoriale.

 

Articoli correlati:
Il Central Perk apre le porte!
Daybreaker, l’ultima moda di New York